SegnoSpeciale

SegnoSpeciale n. 217

Speciale 217

IL LAVORO TRA NOI DIFFICILE
La rappresentazione del lavoro in età globale
a cura di Tiziano Toracca            

      A partire dagli anni Ottanta, con l’avvio del processo di globalizzazione dei mercati, di esternalizzazione della produzione, di digitalizzazione e smaterializzazione dell’economia, di polarizzazione tra aree del pianeta sempre più produttive e aree sempre più consumistiche, il mondo del lavoro ha subito trasformazioni radicali ancora oggi, in parte, indecifrabili. In Europa, il 1989 è forse la data che coglie meglio di qualunque altra questa cesura strutturale con cui s'inaugura la mondializzazione dell’economia. Le espressioni e le metafore chiave che sono emerse dall’ampio dibattito (trentennale, internazionale e interdisciplinare) sul lavoro in età globale sono ormai entrate a far parte del lessico quotidiano e danno indubbiamente conto di una perdita drammatica in termini di diritti, garanzie, valori. Parole o espressioni come ad esempio flessibilità, precarietà, instabilità, fine del lavoro, tramonto della classe, neoalienazione, neocaporalato, smobilitazione o mobilitazione totale, descrivono il nostro presente e si prestano a definire la negatività di esperienze quotidiane e comuni.      

Leggi tutto: SegnoSpeciale

SegnoFilm

SegnoFilm n. 217

Cyrano mon amour
(Edmond)

Regìa: Alexis Michalik                              Orig.: Francia/Belgio, 2018

Sogg. e Scenegg.: Alexis Michalik. Fotogr.: Giovanni Fiore Coltellacci. Musica: Romain Trouillet. Mont.: Anny Danche. Scenogr.: Franck Schwarz. Costumi: Thierry Delettre. Suono: Niels Barletta, Fred Demolder, Antoine Deflandre. Interpr.: Thomas Solivérès (Edmond Rostand), Olivier Gourmet (Constant Coquelin), Mathilde Seigner (Maria Legault), Tom Leeb (Léo Volny), Lucie Boujenah (Jeanne), Alice de Lencquesaing (Rosemonde), Clémentine Célarié (Sarah Bernhardt), Igor Gotesman (Jean Coquelin), Dominique Pino (Lucien), Simon Abkarian (Ange Floury), Marc Andreoni (Marcel Floury), Alexis Michalik (Georges Feydeau). Prod.: Alain Goldman, per Legende Films/Gaumont/France 2 Cinéma/Ezra/Rosemonde Films/Nexus Factory/Umedia/C2M Prods. Distr.: Officine Ubu. Durata: 109 min.

Parigi, 27 dicembre 1897, Théâtre de la Porte Saint-Martin, il Cyrano de Bergerac, scritto dal poeta Edmond Rostand ottiene dal pubblico a fine rappresentazione più di 40 chiamate, tanto che si decide di non abbassare più il sipario. I giorni che precedono questa incredibile messa in scena sono raccontati nel film con fedeltà storica e tanta immaginazione, seguendo la tenace ispirazione dell’autore, che sembra sempre sul punto di cedere, e sempre caparbiamente si riprende e infine trionfa.

Roma 

Leggi tutto: SegnoFilm

Star Wars

Star Wars n. 217

Leggi tutto: Star Wars