SegnoSpeciale

SegnoSpeciale n. 222

Speciale 222

LA POST NEW HOLLYWOOD DEGLI ANNI '90
Miramax, New Line e la Indiewood americana
a cura di Tommaso Mozzati               

      È ormai passato un trentennio dal trionfo a Cannes, nell’irripetibile 1989, di Sesso, bugie e videotape, successo che impose sulla scena internazionale il profilo di un giovanissimo autore di Atlanta, Steven Soderbergh, e che fu il volano per l’affermarsi di una nuova idea di cinema indipendente, da quel momento in poi destinato a venir integrato nelle dinamiche produttive del mainstream hollywoodiano grazie a case fra cui la Miramax e la New Line, a eventi sul tipo del Sundance Film Festival. Proprio le traversie toccate di recente in sorte a Harvey Weinstein, che di quella svolta è stato protagonista indiscusso accanto al fratello Bob, si offrono allora - soprattutto sul piano dell’immaginario collettivo - come l’atto finale di una ricca stagione, giunta a un capolinea simbolico nonostante che il suo tramonto venga di solito ricondotto già ai primi anni del 2000.      

Leggi tutto: SegnoSpeciale

SegnoFilm

SegnoFilm n. 222

Ritratto della giovane in fiamme
(Portrait de la jeune fille en feu)

Regìa: Céline Sciamma                             Orig.: Francia, 2019

Sogg. e Scenegg.: Céline Sciamma. Fotogr.: Claire Mathon. Musica: Jean-Baptiste de Laubier, Arthur Simonini. Mont.: Julien Lacheray. Scenogr.: Thomas Grézaud. Costumi: Dorothée Guiraud. Suono: Valérie Deloof. Eff. Spec.: CGEV. Interpr.: Noémie Merlant (Marianne), Adèle Haenel (Héloïse), Luàna Bajrami (Sophie), Valeria Golino (la Contessa), Christel Baras (praticona), Armande Boulanger (l'allieva dell'atelier), Guy Delamarche (l'uomo del salone), Clément Bouyssou (il battelliere). Prod.: Bénédicte Couvreur, per Lilies Films/Arte France Cinéma/Hold Up Films. Distr.: Lucky Red. Durata: 120 min.

Fine Settecento, la giovane pittrice Marianne giunge in un’isola della Bretagna per lavorare al ritratto di Héloïse. Il dipinto serve per far conoscere a un nobile milanese il volto della giovane, sua promessa sposa. Prima di lei era stata designata a questo matrimonio la sorella, ma la ragazza si è suicidata. Anche Héloïse rifiuta il matrimonio e di conseguenza non vuole farsi ritrarre. Per questo Marianne è stata assunta: per dipingerla in segreto, fingendo di essere una dama di compagnia. In questo modo la madre cerca di proteggere la figlia senza cambiarne il destino che la vuole sposa, proprio come era accaduto a lei venti anni prima.

Ritratto della giovane in fiamme 

Leggi tutto: SegnoFilm

Star Wars

Star Wars n. 222

Leggi tutto: Star Wars